News & Press

News | 22 luglio 2015
Il caso Perù: dalla foglia di coca alla fava di cacao
Il caso Perù: dalla foglia di coca alla fava di cacao
Tema del dibattito: lo straordinario sforzo compiuto dal Perù per favorire la trasformazione delle piantagioni di coca, di cui il paese è uno dei principali produttori al mondo, in coltivazioni di cacao. Un impegno rigoroso portato avanti dalle istituzioni peruviane insieme alle cooperative locali di contadini, e il cui successo è garantito anche dal sostegno assiduo di clienti responsabili e coinvolti come Icam e ultimamente da Otto Chocolates.

E' questa l'esperienza portata a Expo dalla cooperativa Acopagro e dall'azienda cioccolatiera italiana Icam. Le buone pratiche del Perù in agricoltura sono state in grado di combattere il traffico di droga e in certe realtà virtuose dove prima si coltivava coca ora si coltiva caco, e lo si esporta in termini economicamente sostenibili per i produttori.
Acopagro esporta soprattutto in Italia dove ha incontrato Icam "Oggi il rendimento economico della coltivazione di cacao compete con quello che viene dalla coltivazione della coca - ha spiegato il presidente di Icam, Angelo Agostoni -. Questo è il punto di svolta straordinario. Non esiste più una ragione economica per tornare alla coca. La filiera va oltre i confini del Perù e prosegue in aziende come la nostra, fino ai consumatori". Icam importa dal Perù 5mila tonnellate di cacao all'anno da varie cooperative. Di cui 3.500 sono di cacao biologico e Fairtrade.
"Collaboriamo con Acopagro da sei anni, abbiamo condiviso il nostro know how, li abbiamo guidati verso la crescita qualitativa del prodotto. L'acquisto da parte di Icam del cacao prodotto è diventato un elemento basilare per consentire il consolidamento e la crescita delle cooperativa stessa".

Secondo i dati dell'Unodoc, l'ufficio Onu per la lotta alla droga e alla criminalità, nel 2014 le superfici coltivate a coca sono diminuite in Perù del 14% rispetto al 2013. Merito di iniziative come quella delle cooperative peruviane di Acopagro, che riunisce 2.000 coltivatori ed è oggi al settimo posto tra le prime 10 aziende esportatrici di cacao del Perù. "Abbiamo iniziato circa 20 anni fa, un periodo nel quale sembrava impossibile parlare ai contadini di sostituire la coca col cacao - ha detto a Expo il direttore commerciale di Acopagro, Gonzalo Rios -. Ora siamo tra i principali produttori di cacao biologico del Paese. Offriamo un prodotto che ha un mercato internazionale e, soprattutto, i contadini vivono meglio, usano le tecnologie agricole più avanzate e hanno accesso al microcredito, uno strumento fondamentale per poter convertire le coltivazioni. Siamo riusciti anche a istituire premi per la qualità del loro cacao e borse di studio per i figli".
PrecedenteSuccessiva
ICAM S.p.A. - Copyright 2018 - Icam
Icam spa, società per azioni – capitale sociale € 12.932.500,00 i.v registro imprese di Lecco n. 00205080138 – rea 58425 – c.f.-p.iva 00205080138 – sede: via Pescatori, 53 – 23900 Lecco – Italy
Loading