News & Press

News | 27 settembre 2021
ICAM presenta per il terzo anno consecutivo il Bilancio di Sostenibilità attraverso il proprio approccio attento e rispettoso
ICAM presenta per il terzo anno consecutivo il Bilancio di Sostenibilità attraverso il proprio approccio attento e rispettoso

ICAM Cioccolato rende conto per il terzo anno consecutivo del proprio bilancio di sostenibilità, mantenendo sempre alta l’attenzione alla filiera, all’ambiente, all’innovazione e alle persone.

Quattro pilastri che danno forma a un approccio produttivo distintivo, capace di interpretare la filosofia che da tre generazioni anima l’attività di famiglia: produrre un cioccolato sostenibile e di alta qualità con le tecniche più innovative, salvaguardando i territori d’origine, l’ambiente e ogni individuo coinvolto nel processo di trasformazione delle fave di cacao in cioccolato.

Con un’offerta ampia, che si distingue in tre principali linee di prodotto (industria, private label e a proprio brand), ICAM è oggi una realtà solida sul mercato italiano, e su quello estero che pesa ben il 62% su un fatturato, chiuso nel 2020 a 177 Milioni di Euro (+15 Mil. sul 2019).

 

Una crescita importante che è la più grande dimostrazione di come sia possibile raggiungere risultati positivi in termini di business, attraverso un approccio attento e rispettoso in cui, anche le terze parti coinvolte nel business, vengono scelte sulla base della sostenibilità del proprio agire.

 

Ad ogni fornitore l’azienda chiede, già da qualche anno, di sottoscrivere il Codice Etico di ICAM che esclude quei soggetti che operano sul mercato in maniera poco trasparente. Ma da quest’anno l’azienda lecchese ha fatto un passo in più. Con l’obiettivo di mappare i rischi connessi alla catena di fornitura di ogni ingrediente che contribuisce alla realizzazione del prodotto finale, ICAM nel 2020 ha sviluppato un progetto denominato “Supply Chain ESG Risk Assessment”, finalizzato ad accrescere la conoscenza della struttura e dei rischi ESG (ambientali, sociali e di governance) che caratterizzano le catene di fornitura di tre delle materie prime principalmente acquistate dall’azienda: cacao, latte (siero o lattosio) e zucchero. Un importante passo avanti per incrementare la tracciabilità e la trasparenza della filiera dell’azienda e una base di informazioni utile a migliorare la gestione strategica degli aspetti socio-ambientali delle filiere prese in esame.

Ogni risultato nel corso degli anni, dal tracciamento della filiera alla preservazione della biodiversità, dalla riduzione dei consumi alle certificazioni ottenute dal proprio cioccolato, fino ad arrivare all’implementazione di politiche volte a valorizzare le risorse umane, nella sede di Orsenigo come nelle subsidiaries, vanno ad arricchire un Bilancio di Sostenibilità fatto di piccoli passi che, anno dopo anno, diventano sempre più importanti. Uno strumento che certifica la forte propensione dell’azienda verso un modus operandi virtuoso e sostenibile, attraverso il quale vengono stabilite regole e obiettivi sempre nuovi e sfidanti, per operare nel pieno rispetto di tutti i soggetti coinvolti nel processo produttivo, della società e dell’intero pianeta

“Produrre cioccolato è per noi una tradizione di famiglia, dichiara Angelo Agostoni, Presidente di ICAM Cioccolato. Siamo convinti che la realizzazione di un cioccolato di qualità non può essere disgiunta da un approccio etico all’intera filiera. Abbiamo a che fare con una materia prima che è il frutto di una pianta antica, un dono che la natura ci ha fatto e di cui è nostra precisa responsabilità prenderci cura, da quando nasce e matura attaccato al suo ramo a tutte le fasi di lavorazione successive alla raccolta. Quest’anno festeggiamo i 75 anni di attività e oggi come allora lavoriamo il cacao per trasformarlo in cioccolato nell’unico modo di cui siamo capaci, con rispetto, perché il cacao è la rappresentazione della grandezza della natura e perché noi siamo cioccolatieri per natura.”

 

 

A ulteriore riprova del proprio impegno e a dimostrazione dell’importanza di darsi degli obiettivi comuni a tutti, per rendere più lieve la propria presenza in questo mondo, ICAM ha deciso, a partire dal 2020, di allineare i propri obiettivi (sia quelli raggiunti che quelli futuri) a quelli definiti dalle Nazioni Unite nell’agenda 2030 per lo Sviluppo Sostenibile (Sustainable Development Goals – SDGs).

Se quindi per esempio l’equa remunerazione dei coltivatori, base su cui si fondano i proficui e duraturi rapporti che ICAM intrattiene con le cooperative in Africa e in Sud America, risponde agli obiettivi delle Nazioni Unite di ridurre la povertà e la fame, e di offrire condizioni di lavoro tali da garantire la crescita economica, allo stesso modo la gestione responsabile delle risorse idriche ed energetiche che ICAM porta avanti presso lo stabilimento di Orsenigo (CO) e l’impegno a preservare la biodiversità nei territori d’origine del cacao, coincidono perfettamente con gli obiettivi dell’ONU di approcciarsi responsabilmente allo sfruttamento delle risorse e agire sempre nel rispetto del pianeta.

 

Inoltre, sia nella sede operativa di ICAM in Italia che nel centro di raccolta ICAM Uganda ltd, così come presso le cooperative sud-americane e africane con cui ICAM collabora da tempo, una grande attenzione viene data alla formazione delle persone. Che si tratti dell’addetto in produzione o del coltivatore alle prese con la raccolta delle cabosse, la formazione svolge un ruolo centrale perché in grado di qualificare i lavoratori, incrementarne le competenze e la produttività, e di conseguenza migliorare la condizione socio-economica loro e delle loro famiglie.

 

Parallelamente all’allineamento dei propri obiettivi con gli SDGs delle Nazioni Unite, ICAM ha ordinato gli obiettivi che di anno in anno si impegna a raggiungere, e che comunica attraverso il bilancio di sostenibilità, legandoli alle quattro aree di azione prioritarie per un agire sostenibile: filiera, ambiente, persone e innovazione.


Qui di seguito i progressi fatti nel 2020.

 

 

La responsabilità lungo la filiera

o   90% delle fave di cacao acquistate direttamente all’origine sono certificate (biologico e/o Fairtrade);

o   88% del cacao acquistato da fornitori che hanno sottoscritto il Codice Etico di ICAM;

o   81% dei fornitori di materie prime hanno sottoscritto il Codice Etico di ICAM;

o   3.000 contadini formati sulle moderne pratiche agronomiche in Uganda;

o   190.000 piantine di cacao coltivate in Uganda;

o   Donazioni in denaro per supportare le cooperative peruviane nella gestione del COVID-19.

 

La responsabilità verso l’ambiente

o   -3% di energia elettrica acquistata nel 2020;

o   -6% del consumo idrico nel 2020;

o   34% riduzione della grammatura per gli incarti primari di tavolette con un risparmio di 26 tonnellate di carta

o   95% dei materiali riciclabili utilizzati per le confezioni di tavolette di cioccolato

 

L’impegno verso le persone

o   +25 dipendenti assunti (+7% su un organico complessivo di 358 unità);

o   Implementazione dello Smart Working per far fronte alla pandemia;

o   13h di formazione erogata a ciascun dipendente, ognuno per la propria area di competenza;

o   Nuovo strumento salariale incrementale per i dipendenti legato ad obiettivi e professionalità;

o   Elargiti contributi economici a:

  •        44 dipendenti per le attività di volontariato svolte sul territorio;
  •        104 dipendenti per sostenere i costi delle scuole per i figli.

 

L’impegno verso l’innovazione

o   560 ricette sviluppate dal reparto Ricerca&Sviluppo;

o   0,98 reclami per un milione di unità di consumo vendute

 

Il 2020 è stato un anno particolarmente sfidante ma ha portato anche al raggiungimento di obiettivi importanti che hanno visto ICAM (con il bilancio di sostenibilità 2019) annoverata nel Future Respect Index di ConsumerLab.it, tra le 44 aziende con i bilanci di sostenibilità ritenuti più interessanti e che illustrano la propria governance in maniera efficace, coinvolgente e distintiva. Un riconoscimento particolarmente gradito che va a ripagare gli sforzi e l’impegno profuso negli anni. Questo riconoscimento ha rappresentato una tra le tante leve che hanno portato l’azienda all’inizio del 2021, a mettersi a lavoro per rivedere l’intero proprio posizionamento, a rinnovarsi e a darsi una nuova identità più vicina a ciò che l’azienda è diventata oggi e che rappresenti al meglio l’importante evoluzione che ha vissuto dalla sua nascita 75 anni fa, ad oggi. Un progetto importante che vedrà la luce nei prossimi mesi.

Il Bilancio di Sostenibilità 2020 completo di ICAM Cioccolato è scaricabile a questo link.

PrecedenteSuccessiva
ICAM S.p.A. - Copyright 2021 - Icam
Icam spa, società per azioni – capitale sociale € 12.932.500,00 i.v registro imprese di Lecco n. 00205080138 – rea 58425 – c.f.-p.iva 00205080138 – sede: via Pescatori, 53 – 23900 Lecco – Italy
Loading